La teleradiografia del cranio che cos’è e a chi si fa?

La tele radiografia del cranio è una radiografia della testa, che di norma si fa ai ragazzi come primo passo prima d’iniziare un trattamento ortodontico. Infatti va fatto prima di mettere l’apparecchio ai denti.
Dalla latero-laterale con craniostato, il dentista pediatrico ottiene un’immagine su cui è possibile effettuare misurazioni precise delle diverse strutture e caratteristiche del cranio. Le misurazioni in oggetto sono i calcoli cefalometrici che l’ortodontista deve fare per avere dati certi sulla crescita scheletrica del paziente. È uno studio che può affiancare la panoramica dentaria preliminare ai trattamenti ortodontici.

Latero-laterale con craniostato

latero-laterale e cefalometria
bambino sorridente dal dentista che fa ok
macchina per lastre cefalometriche

Calcoli cefalometrici

analisi cefalometrica con tracciato

A che cosa serve la teleradiografia del cranio?

La teleradiografia del cranio consente all’odontoiatra di avere una visione d’insieme dell’anatomia della testa. Ciò ci fa  capire se la posizione reciproca delle parti ossee è corretta e se i denti sono nella giusta posizione rispetto alle ossa craniche. Permette quindi di pianificare interventi correttivi in caso di problemi come malocclusioni e morsi inversi. Inoltre nel caso dell’analisi secondo la proiezione postero-anteriore, di visualizzare frontalmente l’intero cranio per rilevare eventuali asimmetrie.
Lo studio della latero-laterale permette al dottore di fare addirittura una previsione di crescita del paziente e sapere come tenderà a svilupparsi da qui ai prossimi anni. Ciò è estremamente importante perchè potendo prefigurarsi una direzione di crescita della mandibola si può calcolare cosa fare.

Se la crescita mandibolare è orientata normalmente,

 

ad esempio, e il paziente ha necessità di portare in avanti la parte inferiore, basterà aiutare la natura a fare il suo corso sollecitando la crescita. Al contrario si capisce quanto sia ancora più importante quando si deve bloccarne la crescita naturale. Questo perchè non facendolo, da qui ai prossimi anni la situazione peggiorerebbe di molto creando problemi molto seri al ragazzo e alla sua articolazione temporo mandibolare.
Tra l’altro l’esame è molto semplice, non prevede nessuna preparazione e l’irradiazione del paziente è irrilevante. Chiaramente è irrilevante soprattutto con macchinari come quelli che abbiamo nel nostro centro di ultimissima generazione. Inoltre mettiamo al paziente una protezione in piombo, in forma di grembiule per cui il nostro paziente è esposto poco o nulla.
Tutto ciò non fa che ribadire un concetto: La visita dal dentista è indispensabile soprattutto per i nostri ragazzi in età compresa tra i 9 e i 15 anni perchè è l’età migliore per intervenire con tutto il tempo e la tranquillità che ci vuole. Poi se il nostro dentista è anche ortodontista allora, vuol dire che mettiamo i nostri figli in mani più che sicure. Abbiamo fatto centro.