Istruzioni per una corretta igiene orale

Il segreto per mantenere i tuoi denti sani, è proprio il caro vecchio spazzolino!

Cominciamo con il dire che lo spazzolino non deve mai essere  morbido, specie, come erroneamente si tende  a credere, in caso  di infiammazione e sanguinamento. La consistenza deve essere  da media a dura, così da effettuare, durante lo spazzolamento, un vero e proprio massaggio gengivale.
I denti vanno spazzolati dopo ogni pasto, quindi, minimo tre volte al giorno, e per i più’ piccoli che fanno merenda anche più spesso! Il vostro obiettivo e’ di portare via la placca e i residui alimentari , quindi muoverete lo spazzolino partendo dalla gengiva , verso la parte incisale del dente ( la punta )

Il movimento dello spazzolino deve essere rotatorio, mai orizzontale, con le setole leggermente inclinate nel solco gengivale .  Dovete immaginare un pettine che pulisce un altro pettine!

Dovete spazzolare le superfici esterne , quelle interne e quelle masticatorie di tutti i denti.
Questa operazione deve durare almeno tre minuti (un minuto e mezzo per ogni arcata)

spazzolino da denti per bambini

Le domande più frequenti

Ogni quando va sostituito lo spazzolino?

Lo spazzolino va sostituito quando:

  • Le setole di aprono verso l’esterno
  • Se vi accorgete che le setole si sono ammorbidite
  • Se non avvertite più la sensazione di pulizia che avvertivate con lo spazzolino nuovo

Quale dentifricio usare?

Il dentifricio deve solo coadiuvare il lavoro di spazzolamento, oltre all’indiscusso vantaggio della freschezza che dona alla nostra bocca.
Ne esistono moltissimi tipi in commercio, adatti ad ogni tipo di esigenza, ma diffidate di chi promette miracoli ( dentifrici sbiancanti ) e orientatevi in base alle indicazioni del vostro dentista. E’ una buona abitudine, soprattutto per i bambini, utilizzare dentifrici al fluoro.

Quando usare il filo interdentale?

Il filo ha la funzione di rimuovere la placca e i residui alimentari nei punti in cui i denti sono a contatto tra di loro e dove, quindi, si ha più’ difficoltà ad arrivare con lo spazzolino.
Va usato sempre in abbinamento con lo spazzolamento e non ne sostituisce i benefici.
In quanto alla tecnica di utilizzo, spesso problematica per molti, basterà chiedere alla vostra igienista istruzioni in merito.

Quando usare lo scovolino?

Lo scovolino è molto utile ai portatori di protesi fisse, come i ponti, in quanto permette di pulire sotto gli elementi intermedi del manufatto, in zone dove è impossibile arrivare con lo spazzolino. La dimensione dello scovolino è fondamentale in quanto la sua funzione è quella di detergere le pareti dei denti o degli elementi del ponte dalla placca e dai residui alimentari.
La prima volta scegliete uno starter kit in cui troverete tutte le punte delle diverse forme e dimensioni disponibili; con l’utilizzo sarete poi voi a scegliere forma e misura più adatta alle vostre esigenze.

E il colluttorio?

Il colluttorio ha senso quando è il vostro dentista a prescriverlo per un preciso motivo, come i colluttori a basa di clorexidina che si usano dopo la chirurgia, quando non è possibile spazzolare determinate zone della bocca, come antisettici, o in fase di igiene professionale profonda o infiammazioni del cavo orale. Non è necessario né utile utilizzarlo di routine. L’essere scrupolosi con spazzolino e filo interdentale, o scovolini se necessario, è importante perché permette la rimozione meccanica della placca.

A quale età cominciare l'igiene orale domiciliare?

E’ essenziale prestare attenzione alla bocca sin dai primi mesi di vita. Le modalità d’igiene cambieranno ovviamente in base dell’età.
E’ opportuno iniziare a pulire la bocca dei neonati con una garza imbevuta di soluzione fisiologica. Molto delicatamente con la garzina si puliscono le gengive e soprattutto il dorso della lingua. Man mano che il bambino cresce e che i dentini iniziano ad erompere in bocca allora può fare la prima comparsa lo spazzolino. Lo spazzolino deve essere di piccole dimensioni con setole morbide. Dai due anni in su è consigliabile che i genitori lavino i propri denti di fronte ai bambini; per emulazione i piccoli seguiranno l’esempio, è necessario che i bambini “alle prime armi” vengano gratificati indipendentemente dal risultato ottenuto in quanto la tecnica verrà affinata col tempo.

Il modo corretto di lavare i denti